COS’È UNA COMMUNITY? LA VIA D’USCITA DALLA OFFICE ZONE.

WEB COMMUNITY: È il binomio che nel 2020 spopola sempre di più, specialmente in seguito alla diffusione della COVID-19, che ha digitalizzato la quotidianità del mondo intero, rapporti umani inclusi.

Condividere, innovare, collaborare e imparare riassumono perfettamente il concetto di Community, ma addentrandosi meglio nel fenomeno, oggi il concetto di Community si fonde alla perfezione con la nuova concezione di Business. Fin dagli anni ’70 con l’avvento dei BBS (Bulletin Board System) la distanza fisica è stata annullata, e molte persone hanno iniziato a interagire da ogni parte del mondo. Purtroppo, quando la tecnologia aveva iniziato a dare una mano, c’è stato chi si è preso tutto il braccio iniziando a condividere virus, e contenuti spam, creando problemi non solo agli utenti ma anche i Web Masters della piattaforma.

Al giorno d’oggi i membri delle Web Communities comunicano tra loro attraverso Blogs, Social Media, Server, o addirittura molte aziende utilizzano sistemi di intelligenze artificiali (Bot) per la creazione di chat.

Perché si sta affermano il concetto di Community? Grazie alla forza dell’interazione tra individui, e, nel mondo di business tra aziende clienti, che scendono in campo con le loro capacità legate da un obbiettivo da raggiungere: l’ottimizzazione del prodotto.

COMMUNITY MARKETING.LA FORZA DELLA COMUNICAZIONE: L’obiettivo di un’azienda? Far innamorare.

Il Content Marketing, basato su contenuti focalizzati sul brand piuttosto che sul prodotto in sé, è la nuova arma di seduzione utilizzata sempre di più dalle aziende. Il trucco sta nello scrivere contenuti di qualità che offrano informazioni, risposte, ma che diano anche spunti per interagire. La Community è il segreto per un ottimo Content Marketing che non punta più alla pubblicità ossessivo-compulsiva di un prodotto, ma punta alla soddisfazione del cliente.

I campi d’azione delle Communities oggi come oggi sono i Blog e i Social Media (Twitter, Facebook, Instagram, Linkedin), che vengono visti come fogli bianchi digitali da riempire con informazioni, opinioni e racconti.

Perché queste strategie stanno portando a risultati migliori? Perché l’uomo è un animale sociale! Aristotele aveva ragione, e oggi ne abbiamo la conferma. Grazie ad una comunicazione efficace e con un tono preferibilmente colloquiale, si viene a creare “L’Engagement”, ossia il coinvolgimento di persone che vogliono interagire e condividere. 

Per dar vita a tutto ciò, è essenziale coinvolgere la audience non ossessionando i membri della Community con strategie di vendita, ma pubblicando contenuti formativi ed educativi sul tuo settore di competenza. Offrire la propria conoscenza del settore è il primo passo da compiere

Ascoltare le persone ed i loro bisogni e permettergli di esprimere liberamente le proprie opinioni, o di parlare delle proprie esperienze è fondamentale, perché molti dei loro suggerimenti e delle loro esperienze potrebbero essere utili anche per ottimizzare il tuo prodotto o servizio affinchè risponda alle esigenze del Costumer.

Dal punto di vista umano, creare una Community oppure farne parte è un’opportunità di crescita personale e professionale grazie al confronto con persone con una vita ed esperienze differenti. È  appurato che sentirsi bene ed in linea con gli altri e sviluppare un senso di appartenenza è essenziale per l’uomo per vivere bene e per accrescere l’autostima. A maggior ragione ascoltare il parere di esperti in un determinato settore è sicuramente un’ottima fonte di ispirazione.

COME PROMUOVERE LA TUA COMMUNITY: La seduzione entra di nuovo in gioco, ma non più per vendere, per coinvolgere. Come fare? È la domanda da un milione di dollari.

Partiamo dal capire che esistono due tipologie di Community Marketing:

Organico: Dove i fans e i clienti sono protagonisti e creano degli spazi dove interagire virtualmente

Sponsorizzato: Quando un’azienda fornisce loro una piattaforma per comunicare ed interagire, come ad esempio una pagina Facebook, un Blog o anche delle apps per chattare come Whatsapp, che però può non rivelarsi ottimale.

Questi due modi di dar vita ad una Community sono il risultato di diverse tipologie di Marketing. Per la prima tipologia entra in campo la commercializzazione biologica o meglio, il passaparola, che è uno dei metodi di commercializzazione più efficaci.

Se invece come azienda vuoi dar via ad una vera e propria win – win relationship, che mira alla fidelizzazione del cliente, devi riuscire a prevedere i suoi bisogni, ma in realtà, una buona strategia di promozione è il calcio di rigore che può cambiare tutto.

L’E-mail Marketing può rappresentare un’ottima strategia per farti conoscere e per andare profilare gli utenti anche in base alla tua tipologia di cliente ideale.

Un’ottima Social Media Strategy può rivelarsi la ciliegina sulla torta per ampliare la audience, grazie al forte impatto che hanno queste piattaforme nella vita di tutti i giorni.

Al di là delle strategie, CREATIVITÀ e COINVOLGIMENTO sono importanti come le uova e la farina per fare una torta.

STARBUCKS. DIETRO LE QUINTE DEL CAFFÈ: Il logo verde e bianco che è diventato un vero e proprio trend, il punto d’appoggio di milioni di viaggiatori, che per fare una pausa vanno da Starbucks per gustare quella tazza del caffè col proprio nome sopra.

Starbucks è riuscito ad affermarsi anche in Italia. Come sono arrivati a tanto? Grazie ad una Web Community fondata sulla forza della diversità e l’inclusione. Una Community volta a connettere gli interessi delle persone e a farli sognare in grande. In questo caso, la diversità ha davvero fatto la forza, perché ha permesso la Web Community di Starbucks di espandersi a livello globale.

Dietro quella tazza di caffè c’è un’insieme di persone provenienti da tutto il mondo che ha puntato ad avere un impatto sociale, puntando alla sostenibilità ambientale. D’altronde migliori sono le condizioni del pianeta terra, più buono sarà il caffè.

Come rendere forte la tua Community? Imparando a vedere con gli occhi degli altri.

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *